Quando il dito indica la luna

Se aveste 50 milioni di euro, dove li investireste?

  • In un edificio in stile Haussmanniano a Parigi: un ambiente bucolico, vicini amichevoli, un’attività al 100% a distanza, un ritorno garantito dai bonific mensili dei vostri inquilini;
  • In un impianto di produzione: macchine, rumore, fumo, inquinamento, personale da gestire, presenza minima richiesta 24/7, rendimenti incerti e pianti ogni mese al banchiere per garantire il pagamento degli stipendi;
  • Cryptomonete ?

Per poter rispondere, bisogna affrontare i tre principi cardinali della finanza aziendale:

  1. L’unico indicatore che guida un investitore si chiama Ritorno su Investimento e si misura in €€€ (o $$$);
  2. Non c’è guadagno senza rischio. No pain, no gain. Che si tratti di una proprietà da affittare vacante o di un’azienda che non può vendere ciò che produce, nessuna opzione garantisce non solo il rendimento ma anche la conservazione del capitale investito. La vostra risposta dipenderà principalmente dalla vostra tolleranza al rischio. In parole povere, siete più paracadutisti o golfisti?
  3. A nessun investitore interessa quello che è successo ieri, ma solo quello che succederà domani. Il dito punta alla luna e gli investitori guardano la luna.

Indovinate ora cosa stanno guardando gli ingegneri ? 😀